APE, IL MOTOFURGONE UTILITARIO, ideato dalla Piaggio.

con 1 commento

APE , Il tre ruote più famoso d’Italia nasce alla fine degli anni 50. Sono anni di profonde trasformazioni sia di ordine culturale che socioeconomico.

Simboli di benessere incominciano a diffondersi fra i ceti medi della popolazione. 

L’italia si prepara al grande boom economico e culturale degli anni 60. E’ un Paese che vuole dimenticare il Secondo Conflitto bellico. Un Paese che mette in gioco tutte le sue capacità creative e imprenditoriali.

Il progetto APE nasce dalla fervida immaginazione di Corradino d’Ascanio e dalla grande intuizione di Enrico Piaggio.

“ si trattava di colmare una lacuna nei mezzi di locomozione utilitaria del dopoguerra, portando sul mercato un motofurgone. Di piccola cilindrata, di limitato consumo e di modesto prezzo di acquisto. Facile alla guida, manovrabile nel più intenso traffico cittadino. Adatto e sollecito al trasporto a domicilio della merce acquistata nei negozi”

La sua prima apparizione avviene al salone del ciclo e Motociclo di Milano nel 1947. Il primo modello venne commercializzato nel 1948.

 

APE

 

 

L’APE A125 conserva tutte le caratteristiche della Vespa, pur nella sua struttura a tre ruote. Hanno in comune la parte anteriore e il gruppo motore. Il sedile diventa monoposto e al posto del passegero viene montato un cassone per la merce

 

CARATTERISTICHE TECNICHE APE A125

Prefisso telaio AIT

Motore monocilindrico 2 tempi

Potenza effettiva Cv 4 a 4.500 giri/min

Alesaggio corsa 56,5 x 50 mm

Cambio a 4 marce

Freni a tamburo

Careggiata 1.045 mm

Interasse 1.600 mm

Capacità del serbatoio 10 lt

Velocità max. 40 Km/h

Lung. 2.430 mm   Largh. 1.110 mm  Alt. 860 mm

 

 

In comune con la Vespa ha il motore 125 cm3 con cambio a bacchetta e il freno anteriore.

A differenza, il motore viene montato al contrario, con la ventola sul lato sinistro. Il freno posteriore sono idraulici e azionati a pedale. Questo gli garantiva una maggiore frenata, visto i carichi che trasportava. Nella prima versione non era prevista la retromarcia. Con un litro di miscela di percorrevano 35 km a pieno carico.

Il primo modello dell’Ape, veniva fornito con cassone di legno. Cassone facilmente copribile con un telo. Per proteggere il conducente si poteva montare una cabina.

Nel primo anno ne furono venduti 5.500 unità.

 

 

Il prezzo oscillava da un minimo di 240.000 lire per il modello base ad un massimo di 300.000 per quello full optional.

Per facilitarne l’acquisto i 1.500 concessionari, offrivano diverse soluzioni di pagamento. Ratealizzabile in  rate da 6 a 18 mesi.

“ l’APE contribuisce ad accelerare il ritmo del commercio e delle vendite, sviluppa in estensione il traffico di un negozio e crea con il cliente  un collegamento quanto mai gradito.”

Sarà la sua duttilità e il suo piccolo prezzo a renderlo Il tre ruote più famoso d’Italia.

 

APE 125 GIARDINETTA

 

 

 

Nel 1949 viene presentata l’APE 125 GIARDINETTA. Questo nuovo modello viene omologata per il trasporto di tre passeggeri compreso il conducente. In questa versione viene aggiunta, alla Vespa,un carrello in metallo montato su due ruote, dove viene posta una panca di legno. I sedili sono foderati in pelle per migliorare il comfort. Le finiture in legno e il tendalino semicircolare a soffietto ricorda i vecchi calessi. Per le sue caratteristiche, dimensioni e costi contenuti, diviene un veicolo ideale per muoversi nelle strette vie delle località turistiche del nostro Paese.

La Costiera Amalfitana, la Riviera Ligure, la riviera Toscana, diventano una esperienza indimenticabile per i turisti e i divi di Hollywood durante i loro soggiorno estivi.

 

CARATTERISTICHE TECNICHE APE 125 GIARDINETTA

 

Prefisso telaio AT12T-A15T

Motore monocilindrico 2 tempi

Potenza effettiva Cv 4,5 a 4.500 giri/min

Messa in moto a leva, manovrabile a mano, situata sulla sinistra della sella

Cambio a 4 marce con comando a mano sulla manopola sinistra abbinata alla frizione

Freni anteriori ad espansione, meccanici, manovrabili con leva a mano posta sulla destra del manubrio

Freni posteriori ad espansioni, idraulici, con comando a pedale. Freno di sicurezza per le ruote posteriori. Leva a mano con dispositivo di bloccaggio sul differenziare.

Cerchi e pneumatici 4,00 x8”

Careggiata 1.060 mm

Raggio di sterzata 1.885 mm

Capacità del serbatoio 10 lt

Velocità max. 40 Km/h a pieno carico

Lung. 2.440 mm   Largh. 1.300 mm  Alt. 945 mm

 

 

 

 

Nel 1953 viene introdotto sul mercato l’APE B…………La storia  del tre ruote più famoso d’Italia…CONTINUA……

 

 

 

 

 

Torna alla Home

 

One Response

  1. zvodretiluret
    | Rispondi

    I think this is one of the most important info for me. And i’m glad reading your article. But should remark on some general things, The website style is ideal, the articles is really great : D. Good job, cheers

Lascia una risposta

Translate »